Defibrillatore e primo soccorso, salvavita nei condomini e abitazioni - BLSD Europa
Home / news / Defibrillatore e primo soccorso, salvavita nei condomini e abitazioni

Defibrillatore e primo soccorso, salvavita nei condomini e abitazioni

0

Chi sostiene il 60, chi l’80 percento, poco cambia. La maggior parte degli Arresti Cardiaci si verifica a domicilio.
Si a casa nostra! Avete capito bene….

La nuova proposta di legge sui defibrillatori renderà obbligatorio la presenza del defibrillatore nei condomini e questo rappresenta un importante punto di svolta che sposta il focus dai centri sportivi, dove è stato imposto per prima e per legge la presenza del DAE a fronte di un’incidenza di arresti cardiaci irrisoria, ai luoghi più esposti, tra i quali: luoghi di lavoro e condomini.

L’episodio di Fano dimostra ancora una volta come le manovre di rianimazione ed il tempestivo impiego del defibrillatore possano fare la differenza tra una morte certa ed una possibilità di sopravvivenza.

L’uomo di 80 anni, nella notte tra il 27 ed il 28 luglio, è stato salvato grazie al massaggio cardiaco praticato dalla figlia, la quale ha sostenuto in tal modo le funzioni vitali nell’attesa che fosse disponibile un defibrillatore. Come sarebbero andate le cose se in luogo del fare ci fosse stato l’aspettare a mani conserte il 118?

Una risposta scontata che deve far riflettere e sensibilizzare tutti.

Non occorrono competenze particolari e soprattutto un background sanitario per salvare una vita.
Massaggio cardiaco e uso del DAE non hanno alcuna connotazione sanitaria!

E’ sufficiente buona volontà e un minimo di formazione che può essere conseguita in occasione dei tanti corsi proposti.

Inoltre, l’attuale legge ha introdotto anche il principio di impunibilità “c.d. Legge del Buon Samaritano” in favore di coloro che prestano assistenza per salvare una vita. In sostanza tale tutela era già garantita per il tramite dell’art. 54 del codice penale. Tuttavia, il nuovo principio offre maggiore chiarezza e dirime qualsiasi dubbio e timore riguardo il rischio di essere citati per danni o per l’utilizzo in assenza di abilitazione, preoccupazione che sovente in occasione dei corsi ha dato origine a numerosi dibattiti.

Non abbiamo più scuse per non farlo….

Il numero dei defibrillatori disponibili sul territorio è destinato a crescere ma per funzionare e risultare efficaci non possono prescindere dalle manovre di rianimazione e dalla presenza di un operatore.

Pertanto, devono aumentare anche le persone formate, soprattutto per ragioni di sensibilità e coscienza, non per obbligo.

Sei pronto a fare questo passo?
L’augurio è di non dover mai mettere in pratica tali competenze, ma se così non fosse, la situazione peggiore e comprenderlo nel momento del bisogno.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi